Ghetto ebraico - vicolo Umberto Norsa

Le case alte, la via angusta, i piccoli balconi con porte-finestre, le finestrelle dei granai e le piccole aperture degli scantinati danno una chiara idea di come fosse l’ambiente del ghetto.
Si segnala il grazioso portale marmoreo della casa posta al numero civico 1 poiché sul suo fianco è visibile l’incavo in cui alloggiava una “mezuzà”, un piccolo oggetto propiziatorio secondo la tradizione ebraica.
Sito espositivoFuori