Chiesa di San Francesco

I duchi, stabilito il patrocinio sulla proprietà francescana la elessero a proprio mausoleo.
San Francesco rimase in attività fino alla fine del XVIII secolo quando gli austriaci la espropriarono per trasformarla in un arsenale bellico.
Mantenne tale funzione fino al 1944, quando fu bombardata e parzialmente distrutta.
Dell’originale – attorno al quale la Chiesa è stata completamente ricostruita – rimangono la facciata gotico-lombarda col classico rosone, il portico antistante risalente al 1500, il campanile (privo di merlatura all’origine) e la cappella di San Ludovico di Tolosa, affrescata con il ciclo della vita del santo, all’interno della quale sono conservati i resti di alcuni Gonzaga.
(Eleonora Corti)
Sito espositivoFuori